Tutto sul Culturismo al Naturale

Articoli, Guide, Video, Allenamenti, Esercizi, Foto e tanto altro

CookiesAccept

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand

Introduzione della rubrica

Qualunque sport venga praticato, l’alimentazione ha sempre una importanza fondamentale.
Non è un caso che già al tempo dei romani, i gladiatori che combattevano nell’arena venivano alimentati con cibi altamente ricchi di proteine, carboidrati e vitamine, dimodochè potessero essere forti ed in grado di dare spettacolo nei numerosi combattimenti che si tenevano nell’arena.
Col passere del tempo e dei secoli il principio base non è mutato: l’alimentazione ha sempre dettato le regole per riuscire nella pratica sportiva.



La società umana ed il suo conseguente inarrestabile sviluppo ci ha condotti verso un’alimentazione sbagliata, presentandoci modelli di nutrizione che senza dubbio conducono gli individui all’obesità.
Vi sarà capitato di sentire persone lamentarsi del fatto che nonostante frequentino la palestra da qualche mese, o addirittura anche da un anno non sono ancora riusciti a perdere l’adipe depositato nella pancia e sui fianchi.
Questo non è altro che un esempio per sostenere che gli esercizi non sono sufficienti da soli a smaltire un po di peso, ma anche l’alimentazione ha la sua importanza.

Io personalmente non voglio delineare una nuova teoria sulla nutrizione, criticando fra quelle già esistenti, quale sia meglio o peggio.
Posso però sostenere che la dieta mediterranea sia una delle migliori diete consigliate, perché rispetta tutti i principi nutritivi ( carboidrati, proteine, grassi, sali e vitamine ) ed allo stesso tempo non appesantisce l’organismo con gli accumuli in eccesso di grasso e colesterolo, causa principale degli infarti.

Da sempre, anche perché sono nato e cresciuto in Sardegna, dalla tavola non sono mai mancati i cibi più semplici, quali il latte intero al mattino con un po’ di pane integrale, il miele ed il burro, mentre nei due pasti principali, la pasta, il pollo fresco di allevamento, la carne di manzo, di maiale, di agnello e capretto, il pesce, i formaggi, i legumi, la frutta e la verdura di stagione e così via.
Una alimentazione al naturale deve essere la più variegata possibile, anche perché l’organismo deve assumere tutti i principi nutritivi necessari per le esigenze cerebrali e motorie.

Nei giovani, intendo quelli sotto i 22 anni, perché è in corso l’età dello sviluppo, il primo approccio con l’esercizio dei pesi li stimolerà a mangiare di più, anche perché, le calorie che inizialmente si consumano, in una sola seduta di 60 minuti, sono di circa 400/500 Kcl, pertanto, nella loro dieta non dovrà mai mancare il latte, almeno un litro al giorno, il pane, la pasta, la carne, la frutta, il minestrone di verdure e la verdura fresca in genere, senza mai scordarsi che bisogna bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno per facilitare la funzione renale.
Per tutti coloro invece, giovani in età superiore allo sviluppo e meno giovani, l’alimentazione dovrà rispettare i canoni testè enunciati: variegare sempre per assumere tutti i principi nutritivi di cui l’organismo ha bisogno.

Powered by Amazing-Templates.com 2014 - All Rights Reserved.